Porcona veneta sposata fa bocchini ad occhi chiusi

Mi chiamo Valeria ragazzi e sono quì perché vorrei vivere delle esperienze nuove nel sesso con uomini focosi e determinati. Sono una porcona veneta sposata dalle tette grosse e molto brava a fare pompini. Una donna insomma che ama il sesso un po’ aperto e disinibito e quindi anche con uomini diversi da mio marito.

Mi sono avvicinata al mondo degli incontri su internet da un paio di anni ed ho fatto alcune esperienze molto eccitanti. Durate poco devo dire ma questo per scelta di entrambi. Non ho mai voluto portare per le lunghe una storia extraconiugale . Mi basta vivere delle belle scopate e poi amici come prima insomma.

Ora vorrei riprovarci e quindi ho pubblicato il mio annuncio erotico . Vorrei conoscere qualcuno delle mie zone con cui iniziare una amicizia particolare. Io sono di Venezia dove ho un bar tutto mio. In realtà vivo sulla terraferma a Mestre ma sono tutto il giorno al lavoro e torno la sera a casa.
Sposata con prole ho una esuberanza erotica fuori dal comune. Una vera porca quando un uomo mi fa scattare la molla del desiderio.

E sono molto brava a soddisfare le sue esigenze e le sue fantasie quando capisco cosa gli piace. Ma stento a credere che ci sia un uomo che potrebbe resistere ad uno dei miei pompini. Sono esagerata con un cazzo in bocca .

Fattelo succhiare tutto da una porcona veneta sposata

Si lo voglio proprio succhiare ad un uomo che si presenta molto bene dentro le mutande. Scusa la mia franchezza ma se lo hai bello lungo e diritto divento una vera assatanata.

Mi piace dapprima mordere la cappella e farmela crescere in bocca. Poi inizio il mio lungo e dapprima lento su e giù fino a quando non sento pulsare la vena. Significa che stai per venire. Ed allora mi fermo perché mi voglio godere il primo schizzo in bocca.
E’ il più buono e lungo e me lo faccio arrivare in gola ma non prima di averci giocato un po’ con la lingua. Poi lo mando giù .

Ti piace come prospettiva. Vuoi provarci con una vera maiala matura dalla laguna ? Scrivimi e ne parliamo.

Lascia un commento